Menstrual Movement Manifesto

Menstrual Movement Manifesto: di cosa si tratta e perché è davvero importante?

Articolo di
Pubblicato il
Categoria

Per quale motivo, ancora oggi, le mestruazioni rappresentano un argomento carico di vergogna e un fattore di discriminazione nei confronti delle donne? Perché, per definirle, si ricorre a perifrasi come “Ho le mie cose”, “Sono indisposta” o “Ho il ciclo”? Qual è la ragione dietro questo imbarazzo nei confronti del normale funzionamento dei nostri corpi?

Il Menstrual Movement Manifesto è un documento che si propone di affrontare le questioni legate alla povertà mestruale e ai tabù ancora presenti nella vita delle donne in tutto il mondo. Questo manifesto, redatto tempo fa in occasione della prima Giornata Nazionale del Ciclo, è stato lanciato insieme a una petizione dall’organizzazione no-profit statunitense chiamata PERIOD, fondata da Nadya Okamoto nel 2014 quando aveva appena 16 anni.

In Spagna arriva il congedo mestruale: 3 giorni al mese per le donne con ciclo doloroso

Menstrual Movement Manifesto: combattere la povertà mestruale e smantellare i tabù che condizionano la vita delle donne

L’obiettivo principale di PERIOD è quello di combattere la povertà mestruale e smantellare i tabù che continuano a condizionare in modo profondo la vita delle donne. Secondo l’organizzazione, avere accesso a prodotti per l’igiene mestruale è un diritto umano fondamentale che consente a ogni individuo di scoprire e raggiungere il proprio pieno potenziale, indipendentemente da esigenze naturali come il ciclo mestruale.

Il manifesto si presenta come una dichiarazione d’intenti, una sorta di chiamata alle armi metaforica per sensibilizzare sulle sfide legate alle mestruazioni. Affronta temi cruciali come l’accessibilità ai prodotti per l’igiene mestruale e la necessità di eliminare la cosiddetta “tampon tax”. Questi obiettivi ambiziosi, ma considerati realistici, mirano a garantire che tutte le donne abbiano accesso a prodotti essenziali per la gestione delle mestruazioni senza essere gravate da tasse aggiuntive.

Tampon tax 2024: l’imposta sul valore aggiunto che grava sugli assorbenti

Tampon tax
Tampon tax

Perché il sangue mestruale è circondato da tabù?

PERIOD ha completato il suo manifesto con un video di sensibilizzazione in cui vari attivisti si esprimono di fronte alla telecamera mentre perdono sangue dal naso. L’intento è evidenziare un punto cruciale: se il sanguinamento coinvolgesse il volto, probabilmente scaturirebbe un intervento immediato, ma quando si tratta del sangue mestruale, la situazione diventa notevolmente più complessa.

Da millenni, il sangue mestruale è circondato da tabù, trattato come un argomento da menzionare a bassa voce (“mi presti un assorbente”), motivo di imbarazzo (“ho macchiato le lenzuola”) e talvolta addirittura considerato una sorta di maledizione. In molte culture, si diffondono superstizioni come l’idea che durante il ciclo mestruale le donne non debbano cucinare per evitare di rovinare il cibo, che non possano entrare nei luoghi di culto, o che toccare le piante le impedirà di produrre frutti.

Le mestruazioni hanno sempre funzionato come motivo di esclusione per le donne, impedendo loro di intraprendere varie attività. La scrittrice Élise Thébaut sottolinea che il tabù del sangue mestruale ha ostacolato le donne nel diventare marinai, cacciatori, votanti, elettrici, oratrici pubbliche o nell’assumere ruoli politici o religiosi. Questa discriminazione non appartiene solo al passato.

Il retaggio dello stigma è ancora presente, come dimostrato dagli attacchi misogini subiti da Hillary Clinton durante la campagna presidenziale del 2016.

Lo stigma sulle mestruazioni come discriminazioni di genere

Lo stigma sulle mestruazioni è un problema diffuso su scala globale, infiltrandosi tra discriminazioni di genere sul luogo di lavoro nei Paesi più sviluppati e in una legislazione che rifiuta di considerare gli assorbenti come beni di prima necessità, tassandoli come lusso.

Lo Stato di New York ha approvato una legge che rende obbligatorio specificare gli ingredienti degli assorbenti, un passo significativo verso la trasparenza e la protezione dei consumatori. Tuttavia, il problema persiste nelle fasce più economicamente svantaggiate, dove molte persone non possono permettersi di acquistare assorbenti e si trovano costrette a situazioni precarie.

Nei Paesi più poveri, le conseguenze vanno dall’abbandono scolastico a condizioni igieniche precarie che mettono a repentaglio la salute. La lotta contro lo stigma mestruale è, pertanto, un impegno serio su scala mondiale.

Tampon tax
Canva

Menstrual Movement Manifesto: la stigmatizzazione delle mestruazioni come riflesso delle sfide culturali e sociali

La stigmatizzazione delle mestruazioni riflette profonde sfide culturali e sociali radicate nel modo in cui la società percepisce il corpo femminile. Il linguaggio e le perifrasi evasive utilizzate per descrivere le mestruazioni possono derivare dalla persistente vergogna e dal tabù associati a questo aspetto naturale della vita delle donne.

La società ha a lungo relegato le mestruazioni ad un ruolo di secondaria importanza o addirittura di inferiorità, contribuendo così a creare un ambiente in cui le donne si sentono costrette a celare o minimizzare il loro ciclo mestruale. Questo atteggiamento si riflette anche nella mancanza di educazione sessuale completa e aperta, alimentando il mistero e la scomodità intorno alle mestruazioni.

Affrontare apertamente il tema delle mestruazioni è fondamentale per superare gli stereotipi culturali e promuovere un dialogo più aperto e positivo su questo aspetto naturale della vita femminile. Eliminare la vergogna e la discriminazione legate alle mestruazioni è un passo fondamentale verso una società più inclusiva e consapevole dei diritti delle donne.


Feminility è un magazine digitale, che ha l’obiettivo di educare la società a parlare di cosmo femminile in termini positivi. Di spiegare cos’è la femminilità, mettendo al centro le vite di donne straordinarie che hanno contribuito e contribuiscono a “rimodellare” il valore che si associa alle donne oggi.

Feminility è una community di persone, uomini e donne indistintamente, che credono che la femminilità sia un valore da esaltare. Con il progetto di Feminility vogliamo creare un mondo in cui si comprende l’importanza delle donne nella società, nel mercato e nella vita di tutti i giorni.

articolo correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.